venerdì 12 aprile 2019

Il mio Mac è morto, lunga vita al nuovo Mac . . . . .

Eccomi, il 10 Aprile è arrivato il mio nuovo Mac




Ho avuto tre giorni di durissimo lavoro. Non ho ancora finito tutto, ma il momento peggiore è passato. Ho sistemato tutti i vecchi dati sul nuovo Mac ho risistemato la App Foto con le foto che avevo e sprattutto ho fatto il passaggio della mia musica/file nella nuova versione di iTunes. 
Ora devo vedere quali App mi mancano, quali posso installare sul nuovo sistema & C e sistemare iTunes in modo che parli con il mio smartphone. 
Vi mando un grosso saluto e ci sentiamo presto Amici . . . 


Come dicevano quando moriva un Rè di Francia :
"Il mio Mac è morto. lunga vita al nuovo Mac" !
Buon fine settimana in arrivo e migliore continuazione di Aprile.

venerdì 29 marzo 2019

Triste Comunicazione di servizio

Amici del Rifugio.
Devo comunicarvi, che per forza maggiore il Rifugio dovra’ fare una pausa forzata. Purtroppo questo pomeriggio il mio vecchio Mac e’  morto. E’ partita per sempre la scheda video o forse la scheda madre. Oramai queste due schede dei Pc e la scheda logica sono una cosa quasi incorporata una all’altra. Siccome il mio Mac era del Novembre 2011 non si trovano in giro pezzi di ricambio adatti. Anche perche’ Apple stessa non tiene ne vende pezzi per questi vecchi Mac.
Ho chiesto ad Apple, ai Centri di riparazioni autorizzati Apple, a Centri di riparazione non autorizzati Apple, ma la risposta e’ sempre stata la stessa. I pezzi di ricambio non ci sono, ed anche se ci fossero mi costerebbero tanto, da non valerne la pena, comunque il problema e’ che nessuno li ha.
Devo dire addio al mio vecchio Mac è comprarne un’altro nuovo.
Il problema e’ che la cosa ha un forte costo e non so’ cosa decidero’ di fare. In ogni modo, per un po’ il Blog sara’ messo in pausa. Mi spiace, ma non si e’ trattato di una scelta, sono stata obbligata. Post allo smartphone non posso farli, e’ molto scomodo, come sto’ facendo ora è invivibile e poi non ho materiale ne le varie immagini. Dovro’ stare del tutto ferma.
Visto che e’ partita scheda video, non posso nemmeno accendere il mio vecchio Mac.
Che tristezza, ora ho di fronte una triste scelta.

Buona serata, migliore fine settimana in arrivo ed a presto spero, quando potro’ tornare con un nuovo Mac !





mercoledì 27 marzo 2019

Lista Libri da Recensire

Ecco la lista aggiornata, Con gli ultimi arrivi

Ad oggi, Mercoledì 27 Marzo 2019

Questi sotto sono i libri in lista recensioni.

Ho tolto i libri vecchi, di cui ho già pubblicato la Recensione qui al Rifugio e quelli che ho già letto ma di cui devo ancora pubblicare la Recensione è rimasto solo, ad oggi, il Vecchio Nunero 22. Qui trovate la lista recensioni precedente in cui trovate tutti i libri.

01°) "L'Incanto del Tempo" di Nicolò Gennari
         In fase di lettura.


02°) "Le Sentinelle del Patto" di Lorenzo Corti


03°) "La Guerra del Vespro" di Estelwen Oriel


04°) "Waylock - I Principi di Shirien" di Marta Leandra Mandelli


05°) "Il Drago Pigmeo - Le leggende del drago mutaforma" 
         Libro 1 di Marc Secchia


06°) "Helga" di Antonio Aschiarolo



07°) "L'Eredità della Spada" di Cristina Azzali


08°) "Le Rune di Winslar"
         1° Vol della Trilogia delle terre elfiche di Daniele Conti



09°) "La Stirpe del drago - Il Risveglio dell'antico Signore"
        di Angela Biondi - Libro Ufficiale della Festa dell'Unicorno 2018



10°) "Strega per metà - I ricordi perduti" di Chiara Vincenzi


11°) "Il Libro di Henneth" di Daniela Ferraro Pozzer


12°) La Guerra degli Elementi" Vol 2 
         Il Varco dell'Apocalisse di Veronika Santiago


13°) "Il Gatto & gli Stivali" di Marta Leandra Mandelli


14°) "Il Viaggio" Vol. 1 di Francesca Riscaio
 

15°) "Medioevo - Il Futuro è la Porta, il Passato la Chiave" 
         di Elvio Ravasio


Regali D'Autore

Eccomi tornata a ringraziare gli ultimi autori che hanno avuto la gentilezza e la forte volontà di avere il mio parere sul loro operato o sul loro ultimo nato.

Grazie a Veronika Santiago, che mi ha fatto avere il secondo Libro della sua quadrilogia.


Grazie, alla mia amica Marta Leandra Mandelli, per avermi sottoposto il suo invitante nuovo nato.
 

Grazie a Francesca Riscaio, per avermi fatto avere il suo libro in versione cartacea.
 

Infine grazie anche all'amico Elvio Ravasio per avermi fatto avere il suo intrigante nuovo nato.


Grazie a tutti per avere desiderato avere il mio parere sui vostri lavori.
Buona giornata ed ottima Primavera.

lunedì 25 marzo 2019

Recensione Libro "Daglass il Viaggiatore e le Cronache dei Regni di Elandia"

Eccomi tornata a voi con la Recensione di un bel libro fantasy.
Si tratta di "Daglass il Viaggiatore e le Cronache dei Regni di Elandia" 
il 2° libro che ho letto di  Alessandro Orlandini


  
Sinossi:

Un'epica battaglia tra il Bene e il Male, combattuta più di 700 anni prima, aveva visto la vittoria dei Maestri Luminosi e la totale estinzione di quelli Oscuri. O almeno così credevano tutti. Gli Oscuri torneranno più forti che mai, mettendo in serio pericolo il destino delle Terre di Elandia. Mentre Banshir il Nano e Rotullian l'Elfo, grandi Allievi della Luce, saranno impegnati a proteggere i passi di confine dei propri Regni, Daglass e Brent, due Uomini, dovranno cercare l'ultima Lacrima del Cielo, con cui distruggere la Goccia di Sangue in mano al Maestro Oscuro, i cui poteri saranno accresciuti oltre misura dalla gemma maledetta.



Recensione:

Siamo nelle Terre di Elandia, dove il bene ed il male sono sempre in lotta per la conquista del potere. I luminosi con il potere della luce si contrappongono agli oscuri, servitori dell’Oscurità. La magia di entrambe le fazioni rende i vari maestri, particolarmente longevi e dona loro poteri oltre ogni possibile immaginazione.

Un’epica battaglia tra il bene ed il male, combattuta più di 700 anni prima, aveva visto la vittoria finale dei Maestri Luminosi e la totale estinzione di quelli oscuri. O almeno così credevano tutti.

Mentre Banshir il nano e Rotullian l’elfo, grandi maestri della luce, dovranno impegnarsi a proteggere i passi di confine dei propri Regni, Daglass e Brent il suo allievo, due uomini, dovranno cercare l’ultima Lacrima del Cielo rimasta. Questa lacrima è l’unica a poter distruggere la Goccia di Sangue in mano al nuovo e potente Maestro Oscuro, i cui poteri saranno accresciuti oltre misura dalla Gemma Maledetta.

La storia cominica a casa dello gnomo Kim, l’ultimo Maestro Luminoso. L’unico sopravvissuto alla grande guerra avvenuta tanti anni prima. Lo gnomo è da tempo alla ricerca di informazioni nella sua biblioteca sotterranea, con lo scopo di trovare i mezzi per contrastare l’enorme pericolo che le Terre di Elandia stanno per correre.

Con lo gnomo vive Kyle, un’umano da lui trovato anni prima, quando egli aveva soltanto pochi mesi di vita. Il bambino era stato trovato solo, nella foresta, con il carro dei genitori rovesciato, senza cavalli e con, non molto lontano, i cadaveri del padre e della madre morti a terra. Kim, capendo che il bambino era rimasto solo al mondo, decise di tenerlo con se, lo avrebbe allevato, come il figlio che non aveva mai avuto.

Tornando al presente, Kyle scende in biblioteca per portare del cibo al padre, per fargli fare una pausa ed un pranzo . . . . è da una settimana che, preso dalla sua ricerca, egli non tocca cibo . . . .

Lo gnomo sospetta che sia rinato un Maestro Oscuro e quando vengono aggrediti in casa propria, da un Sicario, Corporazione che proteggeva, tempo addietro, il Maestro Oscuro, capisce che i suoi timori sono quantomai reali.

Kim ed il figlio si salvano dall’agguato ed il Maestro procede contattando tutti i luminosi per vedere chi di loro risponde all’appello, anche temendo che possano essere stati assassinati dai Sicari.

Intanto . . . l’avamposto nanico di Beal An Atha, posto di confine tra il Regno dei nani e le terre Sconosciute, viene attaccato a sorpresa dai mezz’orchi e con un trucco, dopo lunghi combattimenti e con un grosso asso nella manica dei nemici viene perso lo scontro e con esso la città nanica . . . anche per la mancanza di soccorsi.

Si scopre subito dopo che l’impero degli umani è sotto l’influsso del più potente Mago Oscuro di sempre . . . l’esercito e l’Imperatore in primis.

Kim lo gnomo, capo dei luminosi, riesce a capire che il nuovo maestro oscuro ha aumentato i suoi poteri con una goccia di sangue. L’unico modo per rimettere in equilibrio le potenze e le forze in campo è quello di trovare l’ultima lacrima del cielo, sola ad avere il potere di annientare la goccia di sangue.

Trovare la lacrima del cielo e portarla fino all’altare del monte Balmur non è certo un compito facile e viene affidato a Daglass il viaggiatore, primo allievo di Kim che, per l’occasione, dopo lungo tempo, diventa a sua volta maestro e per prima cosa va in cerca del suo primo allievo, Brent, che si rivelerà avere dei forti poteri.

Compito di Kim sara’ invece cercare di distruggere l’oscurità. Fra gli allievi luminosi, infatti, molti sono stati uccisi dei Sicari, sono rimasti soltanto maestro Kim, gnomo, Daglass, umano, Banshir, nano e Rotullian, elfo.

Dopo la presa di Beal An Atha, avamposto nanico, è ora in serio pericolo anche Gaillimh, seconda città per importanza del Regno dei nani.

Nel contempo gli elfi vengono attaccati in tre passi diversi da Gramlin e Troll mentre nel passo controllato dal Regno degli gnomi lo scontro è imminente.

Riusciranno Daglass ed il suo allievo Brent a passare illesi per la foresta blu, ottenere l’ultima lacrima del cielo dai guardiani del tempo ed a portarla sull’altare della luce, in cima alla montagna ?

Dopo mille avventure diverse e con l’aiuto di qualcuno non previsto ce la potranno fare oppure no ?

Riusciranno i luminosi ad annientare il nuovo potentissimo Maestro Oscuro . . . Se si a che costo ?

Prima di questo libro ho letto, dello stesso autore “Ammenion, il Druido è tornato” stampato dalla medesima casa editrice.

Il libro, di buon livello, presenta tuttavia qualche piccolo errore formale, questa volta, meno del precedente e la storia a mio giudizio è migliore ed ancora più coinvolgente dell’altro libro, letto per primo, che già non era male.

Quello che a mio giudizio è costruito meglio sono i personaggi e la storia stessa. I personaggi sono a tutto tondo, si conoscono bene durante le vicende narrate, da tutti i punti di vista, fino a riuscire ad affezionarcisi. La storia è scritta con maestria da Alessandro Orlandini, non lascia respiro e coinvolge in pieno il lettore Io lo ho letto davvero in corsa.

Il mio personaggio preferito è sicuramente Jasmine, il drago (la quale possiede un segreto che verrà svelato nel corso della narrazione) solo in seconda posizione vengono Daglass e Brent e poi tutti gli altri personaggi di questa avventura.

Il maestro Kim, lo gnomo, è il più anziano dei maestri con i suoi circa 1.000 anni, egli è l’unico sopravvissutto della Grande Guerra. e possiede poteri enormi, ma anche dei modi che lo rendono simpatico e molto umano. Daglass è un tipo schivo, un ramingo ed un maestro della luce ma con un passato denso di affetti, ha scelto di farsi una famiglia che lo ha messo di fronte alla terribile esperienza di dover affrontare la morte delle persone amate. La longevità dei Luminosi, infatti, li costringe a veder morire tutte le persone amate e a vivere in un tempo che appartiene a loro soltanto. Il Maestro Oscuro in questo primo volume rimane un po’ defilato e si vede poco.

Essendo questo il primo volume di una Saga, sarà possibile ritrovare tutti i personaggi nel secondo volume, che spero di avere la possibilità di leggere un giorno.

Questo primo volume è stato una lettura davvero soddisfacente e che mi ha appassionato. Complimenti all’autore, un bravo ad Alessandro Orlandini il libro ha uno stile coinvolgente ed una sapiente ambientazione, egli ha saputo creare un mondo magico tutto suo ed è riuscito a scrivere una storia davvero molto avvincente, consiglio quindi a tutti questo libro.

Consiglio “Daglass il Viaggiatore” a tutti gli amanti del fantasy ed agli amici dei draghi in particolare. Sono sicura che il libro sarà in grado di appassionare questo tipo di lettore, come anche gli amanti dell’avventura in senso stretto.

Esorto inoltre, voi amici e followers del Rifugio, con il mio solito invito conclusivo:

“Leggete, leggete tanto, leggete generi differenti, ma soprattutto leggete fantasy”

lunedì 11 marzo 2019

Fantasy Landscape - Buona nuova Settimana !


Fantasy Landscape - Sito akspic.com

Un saluto a tutti, Amici del Rifugio, Buona giornata, buon lunedì e migliore nuova settimana appena iniziata. Che la fantasia sia sempre con voi e che il drago, l'unicorno ed il lupo possano camminarvi sempre al fianco.


 Fantasy Landscape By Robert Partridge

Anche il mese di marzo è già quasi arrivato a metà, qui da mè l'aria sta già cambiando e si iniziano a vedere i primi segni di Primavera . . . .
Questo post è un piccolo ritorno ai miei più classici, quelli composti solamente da Immagini fantasy. Quale tra queste è la vostra preferita ?


 Fantasy Landscape Castle - Sito Pixabay.com


Fantasy Castle - Città elfica By peterconcept on DevianArt

lunedì 4 marzo 2019

Il Cibo nel Fantasy . . . perchè è più importante di quanto possa sembrare ?

Perchè nei libri fantasy è sempre presente tanto cibo, spesso descritto nei minimi particolari, fino a far venire al lettore l' acquolina in bocca ?
Avete mai pensato al motivo per il quale il cibo è considerato elemento fondamentale per un buon fantasy  ?
Descrizione particolareggiata dei cibi e delle bevande con banchetti faraonici . . . .  questo ha una motivazione reale o è solo una cosa fatta per abbellire la narrazione ?


Nel mondo della letteratura fantasy il cibo è sempre preso con la massima serietà e gli viene data molta importanza. Partendo dai miti greci fino al grande J.R.R. Tolkien, dal "Cavallino Bianco" di Elizabeth Goudge fino al "Trono di Spade" di R.R. Martin e ad "Harry Potter" della Rowling passando per favole e romanzi, la tavola dei libri fantastici è sempre imbandita in maniera reale.
Perfino negli Anime di Hayao Miyazaki, viene data molta importanza al cibo, nella "Città Incantata" e non solo.


  
Cibarie dal Film "Il Signore degli Anelli"

Fin dall'alba dei tempi, della narrativa,  cibo bagordi e bevande sono sempre state immaginati in modi fantastici e sempre molto abbondanti. 

Per trovare risposta alle domande ad inizio post, occorre tornare indietro nel tempo, fino ai miti delle antiche civiltà. Questi erano colmi di frutti, ortaggi o carni che, se ingeriti, avrebbero sortito benefici o malefici. Ad esempio, quando la dea greca Persefone mangia sei semi di melagrana, condanna sé stessa a trascorrere sei mesi di ogni anno all’inferno con il dio della morte, Ade.
Ricercando invece nella tradizione letteraria celtica, si trovano cibi “incantati” offerti agli umani, per trarli in inganno, da fate, gnomi o altri esseri ultraterreni.

Il dr. Robert Maslen, professore associato alla University of Glasgow e fondatore di uno tra i primi corsi sulla letteratura fantasy, ha cercato di rispondere alle stesse domande. È stato il primo a notare come il cibo sia un elemento sempre presente nella letteratura mitologica, dove il genere fantasy pesca a piene mani. D’altra parte sono spesso le esperienze personali degli autori ad incidere su questi temi.

Tolkien per esempio, che aveva vissuto sulla sua pelle i razionamenti della Seconda Guerra Mondiale,  ha deciso di riproporre la sua visione del cibo maturata in quegli anni: mangiare può essere un'azione dal forte potere corroborante, può unire amici attorno ad un focolare o a un tavolo. Del resto il re indiscusso del fantasy elenca un numero impressionante di preparazioni, ricette e prodotti, non trascurando mai di parlare del buon cibo.
 

Secondo Maslen, che cita molti altri esempi, il cibo è addirittura uno degli degli ingredienti fondamentali per un buon fantasy. Spesso agisce come "una sorta di ancora che mantiene i personaggi buoni saldi nei confronti del male che dilaga". Per quanto le cose possano andare storto non c’è pausa migliore per ritemprarsi che un buon pasto caldo. Perfino R.R. Martin, famoso per rompere le regole tipiche di questo genere letterario, si concede lunghe descrizioni di piatti, zuppe in primis, chissà per quale motivo.


Cibarie da "Trono di Spade" 
 
Il cibo è una parte essenziale della vita, ma è anche molto più che un mero sostentamento: il cibo è potere e politica, cultura e paesaggio, piacere ed identità. Il cibo fornisce ai lettori anche degli indizi sulla società e l’era riguardo alla quale stanno leggendo, e può aiutarli ad avvicinarsi ai personaggi. Il cibo è una parte della costruzione di un mondo molto più importante di quanto non possa sembrare inizialmente.
Perchè è importante come viene rappresentato il cibo da uno scrittore ?
È importante perché il cibo è legato a tantissime cose nella vita: clima, geografia, commercio, guerra, cultura, religione, classe, salute, potere, colonialismo, sfruttamento, ecc. Capire come queste cose siano collegate nel nostro mondo può aiutare a creare un mondo fantastico più realistico.

 Cibarie per festa di Halloween dal Film di "Harry Potter" 

Nel creare il suo mondo, uno scrittore può fare molte scelte per quanto riguarda la storia, il clima, e le piante che ne fanno parte. Vale tuttavia la pena tenere a mente la storia del nostro mondo, poiché essa ha condizionato il modo in cui i lettori reagiscono a certi elementi.
Se le vicende narrate si svolgono in un periodo storico antico, in un mondo fantastico che viene ambientato in un posto similare all'Europa fino al diciottesimo secolo ci saranno delle cibarie non presenti ed alcune così rare, da essere riservate solo ai banchetti delle ricche famiglie.  


Nel considerare quale tipo di cibo un personaggio potrebbe mangiare, è importante guardare alla cultura, al periodo, all’ambientazione e al suo ruolo nella società.  Riguardo alla carne per esempio, siamo di fronte a qualcosa a cui i poveri avevano poco accesso, per cui la loro dieta si basava su cibi prevalentemente vegetali, con l'aggiunta di legumi e pane.  Le persone che abitano le zone costiere o vivono sulle isole tendono ad avere un maggiore apporto di pesce nella loro dieta, che è molto più facilmente reperibile della carne rossa, la quale rappresenta un lusso. In molti periodi storici e società, come l’Europa medievale, che influenza gran parte dei fantasy, carni come quella di fagiano, coniglio e cervo sarebbero molto più comuni di quella di mucca e agnello.
In una società fortemente gerarchica come quella medievale europea, ferree leggi deciderebbero chi può cacciare e dove. Anche se una famiglia povera vivesse vicino ad un bosco pieno di cacciagione, non necessariamente potrebbero cacciare lì. In una società fantasy medievale, forse ogni animale apparterrebbe al re, e potrebbero anche esserci regole di etichetta riguardo a quale animale una certa classe possa mangiare. In Inghilterra, per esempio, solo la nobiltà poteva mangiare il cigno.



La verdura costituirebbe molto probabilmente la maggior parte della dieta di un personaggio fantasy in qualunque epoca e ambientazione, a meno che il personaggio non sia molto ricco. Frutta e verdura sono native di specifiche parti del mondo, ma sin dai tempi antichi sono state commerciate, piantate e coltivate in altri luoghi. 
Che il mondo fantasy debba riflettere un’epoca o ambientazione specifica del nostro mondo o meno, le tipologie di frutta e verdura disponibili dipenderanno da fattori come il commercio e la colonizzazione.
A seconda del periodo in cui il fantasy è ambientato, l’acqua potabile potrebbe non essere molto comune. Questo può essere slegato dalla cultura. Tuttavia una preferenza per il vino o l’aceto, succo di frutta o altre bevande, potrebbe essere una questione legata alla sicurezza, poiché l’acqua potrebbe essere molto sporca e/o piena di parassiti. In questo caso, la birra od una grappa potrebbero essere una bevanda più comune.
Nel sito la Tana del Drago fumante potete trovare alcuni divertenti esempi di liquori e distilleria molto fantasy. 


Info Fonti ed approfondimenti sul cibo nel fantasy:

Lande Incantate

                                       Vanilla Magazine  

                                                                                 Innaturale

Atlas Obscura

Approfondimenti a tavola con Miyazaki:


Il cineocchio

                                          Allaroundkaarl

                                                                                      La scimmia pensa

                                                                                                          You kid
Info Immagini:
Cibarie dal "Signore degli Anelli" dal Sito nerdist.com 
Cibarie dal "Trono di Spade" dal Sito barnesandnoble.com
Cibarie di Halloween da "Harry Potter" dal Sito melty.it 
Draghi della frutta, disegni di Alexandra Khitrova "fruit dragons"

venerdì 1 marzo 2019

Recensione Libro "Ammenion - Il Druido è tornato"

Come vi avevo anticipato eccomi tornata con la recensione di un libro.
si tratta di "Ammenion - Il Druido è tornato" di Alessandro Orlandini



Sinossi: 

Nella notte tra il 31 ottobre e il 1° novembre del 2574 d.C., grazie all'allineamento dei pianeti interni del Sistema Solare e a un sacrificio umano, Tenebra, l'emblema del Male sulla Terra, è tornata. La Luce farà tornare Ammenion, l'ultimo druido, e con lui i suoi compagni di avventure. Il loro compito sarà quello di aiutare il Prescelto dalla Luce, il Salvatore, a preservare la vita sulla Terra, mettendo in salvo i sopravvissuti delle Antiche Razze e degli Uomini. La contaminazione del pianeta è già in atto e solo pochi umani non hanno contratto il gene della mutazione, ma la fine della Terra è inevitabile. La missione del Salvatore è quella di riuscire a portare i sopravvissuti in un nuovo mondo, ma il tempo stringe. Sarà davvero la fine di tutto ?

Recensione:

Siamo sulla terra, nel 2.574 D.C. Nella notte tra il 31 Ottobre ed il 1° Novembre, grazie all’allineamento dei pianeti interni del Sistema Solare e a un sacrificio umano torna Tenebra, l’emblema del male. 


La Luce, per combatterla decide di far tornare Ammenion, l’ultimo Druido e con lui i suoi compagni di avventure Ben Stenton, James Cross, Khan: il Roc, Moloch il grande Drago Rosso e Gonar il leone bianco.

Il compito che viene affidato loro sarà quello di aiutare il prescelto dalla Luce, il Salvatore a preservare la vita sulla terra, mettendo in salvo i sopravvissuti delle antiche razze e degli uomini. Sarà davvero la fine di tutto ? 

Quello che loro non sanno è che Tenebra è tornata usando l’aspetto fisico, l’apparenza proprio di Ammenion. Quando arrivano sulla terra, la contaminazione del pianeta è già in atto e solo pochi umani non hanno contratto il gene della mutazione, la fine del pianeta terra è inevitabile. 
La missione del Salvatore è infatti quella di riuscire a portare i sopravvissuti in un nuovo mondo, ma il tempo stringe ed è necessario, prima di tutto, che Ammenion trovi l’umano al quale la Luce ha affidato il ruolo del Salvatore.

Kasule Muganga è un ricercatore biogenetico ugandese, marito di Marylin Webari (ricercatrice biogenetica anch’essa) e padre di Mugabi. 

Ammenion e Gonar salvano Kasule dai mutanti, in un villaggio di montagna sul confine tra Uganda e Congo, ed in questo modo scoprono, parlando con l’uomo che Tenebra è tornata, ma nei panni di Ammenion. Appena tornata sulla terra ha rassicurato tutti e poi ha cominciato a massacrarli.
In compagnia del Salvatore Ammenion si reca ad Arborea, capitale Elfa e dopo essersi fatto riconoscere come il vero Druido ed avere parlato con il Re elfo e la Fata Mitril (grande e vecchia amica di Ammenion) metterà in salvo in una sfera magica tutta la città degli elfi ed i suoi abitanti. Tutti, eccetto Mitril, verranno trasportati nella sfera magica. La regina delle fate resterà fuori, per ora e viaggerà con Ammenion facendo da prova della sua identità, nei rapporti con gli altri popoli antichi.
Dopo la città elfica sarà la volta di Immergrun, capitale della nazione dei centauri e di Bergwerk, capitale della nazione nana, che subiranno la stessa sorte e saranno a loro volta salvate in una sfera magica. Uguale sorte toccherà alla città di Felsen, capitale della nazione Troll.
Dopo aver portato in salvo le città capitali dei regni dei vari popoli antichi, sarà la volta della ricerca dei sopravvissuti umani, in giro per la terra . . . e Mitril sarà messa in salvo a sua volta, dentro la sfera elfica.
Ammenion ed i suoi amici si scontreranno coi mutanti e coi cavalieri di Tenebra, la quale tuttavia non metterà loro il bastone tra le ruote, in quanto intende aspettarli al varco, alla fine di tutto, prima che loro portino in salvo, le varie popolazioni, in un nuovo mondo, cosa che li porterà inevitabilmente alla vecchia fortezza dei Druidi.
Riusciranno a salvare più gente possibile ed a vincere Tenebra nello scontro finale ? . . . Potranno Ammenion e compagni dare il tempo a Kasule di portare le sfere con le popolazioni terrestri nel nuovo mondo ?

Il libro formalmente è di buona qualità, sia come rilegatura che come testo, se si esclude qualche errore formale che rimane nel testo pubblicato. 

Bella la cover del libro opera di Stefano Mencherini. 
Si tratta di un libro autoconclusivo, anche se riporta, finendola definitivamente, dopo 500 anni, la storia del Druido Ammenion e di Tenebra.

Coinvolgente la storia di Alessandro Orlandini, un bravo all’autore. Le vicende narrate riescono ad ottenere l’interesse del lettore e ad appassionarlo . . . il suo libro è stato una lettura gradevole (anche senza avere letto i tre libri che rappresentano la vera saga del Druido, quella che si svolge 500 anni prima di quanto raccontato).

Insomma, nonostante la storia sia molto cupa e finisca con il descrivere la fine di tutto sulla terra, riesce a farlo in modo appassionante.

Consiglio la lettura di questa storia a tutti gli amanti del fantasy classico e non . . . . questo libro infatti riesce, in certo modo a fondere il fantasy classico con un genere forse più moderno, rimescolando nella miscela anche il fantasy angelico/demoniaco, un genere che personalmente non apprezzo molto ma che ha molti fans . . . .


mercoledì 27 febbraio 2019

Fantasy Forever !


Come sapete tutti, amo molto il fantasy e non potrei assolutamente farne a meno. Per me è una pausa di relax e di magia nella vita quotidiana, piena di delusioni e problemi. Oltre che un momento di Avventura.
Ho iniziato a leggere prima Fantascienza e poi Fantasy tra trentacinque e quaranta anni fà, più o meno quando avevo 12/17 anni e continuo tuttora a farlo con grande soddisfazione. 



Nei libri fantasy spesso il cibo è centrale e gli viene data larga importanza, con descrizioni anche molto approfondite delle diverse tipologie di  cibarie e bevande che vengono mangiate e bevute dai protagonisti e i loro amici. Questo è un lato davvero accattivante che spesso contribuisce a fare ricordare maggiormente un certo libro.

Quando ho iniziato a seguire ed a leggere libri fantasy in Italia c'erano praticamente solo due case editrici che se ne occupavano.
L'Editrice Nord di Milano nata nel 1970 (fondata da Gianfranco Viviani con l'obiettivo di avvicinare i lettori di lingua italiana alla fantascienza e al fantasy, due generi letterari all'epoca quasi assenti nelle librerie.)
e la Fanucci Editore di Roma. fondata nel 1971 da Renato Fanucci
Se cercavi un libro fantasy dovevi rivolgerti ad una delle due. 


L'Editrice Nord nell'aprile del 2002 fu acquisita dal Gruppo Longanesi di Stefano Mauri, modificando sia l'ambito editoriale sia l'aspetto finanziario e commerciale, con un progetto editoriale tendente a riflettere la progressiva sfumatura nella caratterizzazione dei generi, come la narrativa di tipo avventuroso con il giallo, l'horror con l'azione, il fantastico con il noir. 
C'è stata una diversificazione sempre maggiore nelle pubblicazioni di questa storica casa editrice che hanno finito per rendere il genere fantasy di sempre minor numero ed importanza, tra i libri pubblicati.
Continua a pubblicare libri fantasy ma sono davvero molti meno di una volta.

Nell'ottobre 2005 la Casa Editrice Nord è entrata a far parte del Gruppo editoriale Mauri Spagnol (GeMS), la nuova holding editoriale nata dall'accordo tra le famiglie Mauri e Spagnol, controllata da Messaggerie Italiane, dalla famiglia Spagnol e da Andrea Micheli, che include oltre alla Casa Editrice Nord le altre sigle: Longanesi, Garzanti, Vallardi, Guanda, Corbaccio, TEA, Salani, Ponte alle Grazie. 

Nello stesso anno l'ex direttore e fondatore Gianfranco Viviani entra a far parte della Delos Books.


 

La Fanucci ha esordito con opere di genere fantastico sviluppando come campo principale la fantascienza, quindi più in generale tutta la narrativa di genere, includendo anche horror, fantasy e thriller. Si dedica poi anche alla produzione di romanzi per ragazzi e per adolescenti.

Alla morte del fondatore nel 1990, gli è succeduto, alla guida dell'azienda,  il figlio Sergio il quale presiede dal 2005 il Comitato dei piccoli editori e nel 2006 è presidente della sezione italiana di IBBY (International Board on Books for Young People).  

L'azienda nel 2006 aveva un bilancio di 5 milioni di euro (33 volte quello iniziale). Nel 2011 il gruppo Fanucci è divenuto il secondo editore per importanza con sede a Roma, con tre marchi, Fanucci editore, Leggereditore e Timecrime. 
Possiede ora anche una libreria aperta a Roma nel 2014.

Devo notare che la Fanucci è rimasta più fedele alla sua iniziale missione e pubblica ancora libri fantasy, in quantità più elevata rispetto all'Editrice Nord che, pur continuando  a vendere libri fantasy, lo fa in modo e quantità minore che in passato. 
Fanucci invece è rimasta più concentrata e didita al mio genere preferito.

Farò un giro nel cataloghi delle due case editrici, in ricordo della mia gioventù, e se trovo libri particolarmente interessanti ve ne farò una presentazione. Della Fanucci ho già trovato due gioiellini che vi presenterò prossimamente. 
Per quanto riguarda l'editrice Nord devo ancora fare un giro di perlustrazione, appena riesco a trovare il tempo.

Un saluto amici del Rifugio e buona continuazione di settimana.

Leggete, leggete sempre, leggete tanto, ma soprattutto continuate a leggere fantasy !

Informazioni approfondite sulle due case editrici prese su Wikipedia:
Editrice Nord - Fanucci Editore

lunedì 25 febbraio 2019

X Segreto

Eccomi tornata a proporvi un nuovo libro Fantasy.

Questa volta voglio parlarvi di un progetto particolare "XSegreto" 

di Osvaldo Neirotti che non si esaurisce con la pubblicazione del romanzo.


Il progetto di Neirotti e GoArtFactory, ha un lungo percorso.
Il percorso prevede anche la pubblicazione di speciali carte fantasy che sono un gioco di ruolo, di altri romanzi e racconti

Tra le altre attività collegate al libro c'è GoArtFactory che è un movimento artistico che abbraccia tutte le arti, L'autore oltre a  scrivere, è anche pittore, scultore... e co fondatore del movimento che è diventato importante creando numerosi eventi tra cui Festa Nazionale contro il bullismo, Paratissima, Piazzetta GoArtFactory, GoArtFactory, Ponte degli scrittori ecc

Il romanzo è un Fantasy con elfi, umani, orchi, nani, ecc 
Nei libri successivi si parlerà anche di demoni, non morti... ecc. é un fantasy innovativo che ha una trama che col tempo si evolve. 

Il gioco da tavolo è composto da carte da gioco francesci (stampabili su richiesta alla mail dell'autore per chi acquista il libro) e da carte speciali non pubblicate. La totalità delle carte permette il gioco da tavolo. L'uscita di altri due libri, negli anni a seguire,  genererà altri personaggi e altre carte che incrementeranno i mazzi da gioco.


Sinossi:

… egli si trova tra due mondi, il presente di una piccola realtà piemontese fatta di famiglia, società e l’immaginario dei racconti che spesso aiutano a scoprire verità, ma anche a nascondersi. Etrar è il mondo raccontato, l’altra faccia di noi stessi; ospita personaggi fantastici che traggono origine da miti e leggende della nostra storia. Si racconta di maschere che influenzano la vita di 20 amici, una ribellione da se stessi, un racconto che parla al lettore di come trovare le proprie verità. Spesso basta un piccolo sussulto, un attimo, un battito di ali per cambiare.

Solo scopre che è rinchiuso in una prigione, scappa, corre e si nasconde; sta per uccidersi quando trova l’amicizia di un drago. Inizia a credere che al di fuori dei propri pensieri ci sia una vita… 





Per maggiori approfondimenti sul libro e sull'autore, potete contattarlo sul suo profilo Facebook e su Instagram