venerdì 23 marzo 2018

Le Rune di Winslar - Trilogia delle Terre Elfiche

Eccomi tornata a presentarvi un fantasy, autopubblicato questa volta si tratta del libro. 

"Le Rune di  Winslar" 
1° Volume della Trilogia 
delle Terre Elfiche di Daniele Conti
opera prima dello scrittore


Autore: Daniele Conti
Editore: Self-publishing
Genere: Fantasy
Pubblicazione: 2017
Prezzo: € 10.00 cartaceo € 4.99 e-book
Pagine: 156


Prologo:

“Gli elfi non erano stati sempre uniti fra loro. Ci fu un tempo nel quale alcuni furono sedotti da un antico culto, che da secoli attendeva di essere risvegliato. Questo manipolo di elfi voleva convertire l’intero territorio a un caos totale, nel quale ognuno avrebbe deciso per sé. Ben presto, molti altri elfi aderirono a tale progetto, elfi di ogni tipo. Alti, Grigi e Silvani. Fu combattuta una cruenta guerra che durò per quasi un ventennio, prima che gli ultimi elfi dediti al caos si arrendessero, ritirandosi spontaneamente nelle viscere dei Monti Oscuri. Là, nelle profondità della terra, scurirono la loro pelle e i loro occhi divennero rossi per la rabbia, che ancora oggi offusca le loro menti. Seguirono gli insegnamenti del loro nuovo Dio. Lolth, la Regina Ragno. Una creatura immonda e crudele che si nutre delle emozioni e dell’ira dei suoi seguaci. Divennero quelli che gli elfi di superficie chiamano Drow, una razza senza regole nè compassione, con la bramosia del potere come loro unico scopo di vita. La Regina Ragno plasmò le loro menti, aumentando l’odio che nutrono verso gli elfi di superficie. Questo bastò perché la loro cupidigia sfociasse in lotte fra le loro casate e tradimenti nelle loro stesse famiglie.

Fu in quel periodo che fra gli elfi di superficie iniziò a serpeggiare la paura di un ritorno dei drow. Per questo fu istituito il Consiglio Supremo. Una riunione fra i più stimati studiosi di tutte le fazioni elfiche, affinché si trovasse una soluzione definitiva. Ogni elfo convocato fu incoraggiato con la promessa di fondi illimitati per le sue ricerche, sia in campo naturalistico, sia in quello militare, sia in quello magico. Solo uno di loro riuscì nell’impresa. Era un mago, un mago assai potente. Si chiamava Winslar ed era riuscito a creare sette rune magiche, il cui reale potere non è stato mai rivelato a nessuno, che furono disposte in punti strategici e ben definiti dal mago. Queste rune impedirono ai drow di lasciare il sottosuolo, creando una barriera magica fra loro e il mondo esterno. Ancora oggi, nonostante la morte del mago, le rune continuano a essere il baluardo più efficace contro gli elfi scuri.”


Sinossi:

“Quando una coppia di elfi silvani trova un neonato umano sulle rive del fiume Samir, decide di tenerlo con sé e di crescerlo come un figlio. Il suo nome è Losnar. Ben presto i due si renderanno conto che per il piccolo le cose non saranno facili, poiché dovrà lottare contro i pregiudizi della comunità elfica rischiando di non venire mai accettato. Questo porterà il ragazzo a porsi delle domande sulla propria natura. Domande alle quali solo un manoscritto, custodito in una città ai confini delle terre conosciute, può dare risposta. Parallelamente, anche la vita di un giovane drow sembra destinata ad affrontare i conflitti che le crudeli leggi della società matriarcale degli elfi scuri generano nella sua anima. Il suo nome è Semak. Egli sarà costretto a prendere drastiche decisioni che cambieranno il corso della sua vita e quello di coloro che gli sono vicini, per sempre. Sullo sfondo di una guerra preparata per anni dalla matrona drow, la perfida e sensuale Deyre, i destini del giovane umano e dell’elfo scuro sono destinati a incrociarsi. I nostri giovani elfi riusciranno a compiere un viaggio oltre loro stessi per comprendere che la diversità, fino a quel momento considerata debolezza, è in realtà la forza più grande?”



Brevi cenni biografici autore:

Daniele Conti nasce a Livorno il 14 Gennaio 1973.
Appassionato di archeologia e lettura, è un viaggiatore curioso.
Inizia a scrivere in età adolescenziale di mondi fantastici e scenari fantasiosi.
Fan di Alberto Angela fin dagli albori della sua carriera è membro del gruppo degli Agelers
Trilogia delle Terre Elfiche - Le Rune di Winslar è il suo primo libro.

Il libro è disponibile per l'acquisto presso diversi Store on-line: Amazon, Ibs, streetlib, Mondadori Store (Kobo) e Tolino.
Su Amazon trovate da leggere l'estratto del libro.

Per quanto riguarda la versione cartacea,  (per adesso è disponibile soltanto on demand su Fb), alla sua  pagina autore
Se vi interessa contattatelo che vi farà avere la versione cartacea, ma 
prima chiedetegli l'amicizia, altrimenti la vostra mail finirà nella sezione richieste di messaggi, inoltre è una persona molto simpatica e disponibile.

Come potevo resistere a questo Elfico libro ?
Io trovo la cover davvero molto bella e verde (sicuramente in tema con il Rifugio).

mercoledì 21 marzo 2018

Giornata con il Balletto di Milano


Nella stessa settimana del salone dei libri e di Cartoomics, il sabato ho partecipato anche alla giornata con il Balletto di Milano.

Il Balletto di Milano che è oramai conosciuto anche all'estero, è il secondo balletto stabile, con un sua Sede/Teatro qui a Milano, secondo dopo quello della Scala. Sono tutti molto bravi e fanno regolari tournée all'estero portando i loro bei balletti fuori dalla Lombardia e dall'Italia, sempre con gran successo.

E' da un pò che li seguo, io amo molto il balletto classico e contribuisce anche il fatto che la loro sede Stabile, il Teatro di Milano, si trova nelle vicinanze di casa mia.
Ma soprattutto li seguo perchè i loro balletti sono molto belli, e mi danno vere emozioni, ogni volta che li vedo ballare.
C'è da dire altresì che il prezzo dei loro spettacoli è anche molto più alla portata di portafoglio di quanto possano essere quelli favolosi della Scala che sono tuttavia molto più costosi, specie se si vogliono vedere abbastanza da vicino, cosa secondo me necessaria per un balletto.

Partecipando alla giornata con il Balletto di Milano ho potuto assistere alla lezione dei ballerini, alle loro prove ed infine la sera allo spettacolo "Il Lago dei Cigni" per me questo era il Bis, avendolo già visto alla prima.

E' stata una giornata carina ed interessante, è tuttavia un peccato dover dire che la giornata è stata con il balletto di Milano, ma in realtà senza di esso.
Speravo di poter avere per un momento a che fare coi ballerini e fare magari una foto coi miei preferiti, ma invece ci hanno fatto salire in galleria e non ci sono state possibilità di parlare con loro.
Tra l'altro la sala era anche troppo buia per permettere di fare buone foto con lo smartphone, specie da così lontano.

Per fortuna la sera il Balletto, il mio amato "Lago dei Cigni" è riuscito a farmi dimenticare tutto. Anche solo la musica di Pëtr Il'ič Čajkovskij, mi dà sempre grande gioia, ma vederla ballata con tanta passione e bravura mi mette sempre di ottimo umore.

Ecco in ogni modo qualche foto fatta de me durante la lezione e le prove, dall'alto della galleria.

Lezione del Balletto di Milano Sabato 10 marzo 2018

Sabato è stata una giornata bagnata














Prove Balletto di Milano Sabato 10 marzo 2018 
Credo fossero prove per il "Romeo e Giulietta" se ho capito bene . . . 










Vi consiglio, se non lo avete ancora fatto e vi piace il balletto classico, di andare a vedere uno degli spettacoli del Balletto di Milano, sono un corpo di ballo davvero in gamba e moderno.
La loro messa in scenda di "Cenerentola" è fantastica, oltre a godere della vista di un bellissimo balletto, nello stesso tempo questi ragazzi riescono a fare ridere il pubblico. Dote rara, quasi unica per un balletto classico, da non sottovalutare.
P.S. al Teatro di Milano danno anche altri spettacoli tra cui ogni tanto anche qualche bella Opera lirica.

Trovo che siano tutti molto bravi, non si risentano gli altri che sono comunque meritevoli, ma ho alcuni preferiti nel corpo di Ballo del Balletto di Milano: 

In primis, non posso che nominare Il primo ballerino, Federico Mella, che mi piace moltissimo, ma anche Alessandro Torrielli ed Alessandro Orlando che oltre alla presenza fisica ed un certo carisma naturale, risultano essere per il mio occhio i migliori ballerini.
Tra le ragazze invece menzionerei Alessia Campidori, Angelica Gismondo e Lisa Bottet.
Nel Sito Ufficiale del Balletto di Milano al link che ho messo trovate i nomi di tutti i ballerini della compagnia.
Le foto qui sotto,  sono tratte dal Balletto che ho visto per la seconda volta il 10 marzo "Il Lago dei Cigni" con la nuova coreografia di  Teet Kask e la scenografia di Marco Pesta. 
Dette bellissime foto, tutte del balletto, sono prese dalla pagina FB Ufficiale del Balletto di Milano e sono Foto scattate da Carla Moro e Aurelio Dessi.














Per informazioni ed approfondimenti sul Balletto di Milano:

Sito Balletto di Milano                      Pagina Facebook Balletto di Milano

le foto dal balletto "Il lago dei Cigni", a fondo post sono state scattate da Carla Moro e Aurelio Dessi.

Auguri per ogni cosa al Teatro di Milano ed al Balletto di Milano, 100 di questi anni e, continuate col vento in poppa :-)
Io continuerò a seguirvi ogni volta che potrò farlo.


lunedì 19 marzo 2018

Cartoomics 2018

Eccomi tornata a raccontarVi dove sono stata.
Tra le altre cose quest'anno, per la prima volta sono stata al Cartoomics 2018 - 25a Edizione.





Per la prima volta in tanti anni di attività ho ricevuto un cortese invito, è stata una simpatica novità ed una bella esperienza. Grazie.
Era da tempo che accarezzavo l'idea di andare al Cartoomics ma poi per altri motivi, non ero mai riuscita a farlo.


Qui al Cartoomics ho potuto conoscere l'autore che mi aveva gentilmente invitato, rivedere alcuni autori storici del Rifugio e conoscerne di nuovi, ma soprattutto è stata una giornata veramente fantasy, girando per i vari stand ho potuto ammirare i cosplayer travestiti da creature fantasy, alcuni costumi erano davvero molto belli !



Una delle  cose più belle di questa giornata è stato il primo incontro, con Paolo Barbieri, il cui stand era vicinissimo a quello dove dovevo andare io per prima cosa. Così lo ho interrotto e gli ho chiesto, se e quando poteva, di fare una fotografia con me. Lui ha smesso di fare ciò che stava facendo e si è fatto fotografare insieme a me in quel preciso momento. Gentilissimo.
Sapevo che era al Cartoomics ma non immaginavo fosse sulla mia strada, in ogni caso lo avrei cercato dopo :-)


Qui sono con lo scrittore Daniele Conti ed il suo Elfico Libro, 
1° di una trilogia molto verde ;-) - bella la copertina !


Al Cartoomics ho potuto rivedere l'amica autrice 
Marta Leandra Mandelli, che non vedevo da tanto tempo.



conoscere Angela Biondi ed il suo dragoso libro
Romanzo Ufficiale della Festa dell'Unicorno 2018
di cui vi parlerò prossimamente.


Trovare zannablu ed i suoi fumetti maialati.
Tra i fumetti zannablu oltre a "Maiali dei Caraibi, la maledizione della sfiga pura" c'erano anche: "Harry Porker" "Il Trono di Spiedi" 
"Il Signore dei Porcelli" "Grassassin's Pig" "Indiana Porks" 
ed ancora altri in tema porcelloso.







Costumi e personaggi di Harry Potter erano tra i più presenti qui al Cartoomics



Cosplayer e torneo fantasy medievale in piazza







Trio fantasy Steampunk molto interessante, da questa specie di zaino portato sulla schiena da uno dei personaggi usciva uno sbuffo di vapore . . . . 



Draghi draghi draghi, nel primo pomeriggio ho potuto anche rivedere Elvio Ravasio, i suoi draghi ed i sui libri, per cui ha creato dei bellissimi raccoglitori.





Qui io sono venuta malissimo, anche perchè devo aver mosso lo smartphone, mentre scattavo la foto, invece Elvio è più a fuoco.


Questa ultima fotografia ritrae Piton, mentre fa lezione di pozioni ai giovani allievi :-)

Le mie fotografie non sono un granchè, ma riescono a lasciare un'impressione precisa di come era il Cartoomics quest'anno.
Qui al Cartoomics si può trovare da comprare di tutto, libri, fumetti, oggettistica varia, dalla più inutile alla più interessante.
Per mancanza di tempo non ho potuto vedere il padiglione 12 
(i padiglioni erano infatti 3) dove pare ci fossero i robottoni tipo Goldrake & C.
Tutto sommato è stata una simpatica e divertente giornata che ho apprezzato molto, oltre ad avere potuto conoscere nuove persone e rivisto alcune altre già note. E' stata proprio una bella esperienza.
Ero un pò stanca, in quanto il giorno prima ero stata tutto il giorno al salone dei libri, diciamo che probabilmente ero un pochino coi riflessi spenti, avendo dormito poco anche la notte, per altri motivi.
Prima esperienza molto positiva comunque.