sabato 1 gennaio 2022

Auguri - Buon Anno Nuovo - Sereno 2022

 

 
Auguri a tutti, Amici e Followers del Rifugio
Auguri di vero cuore per un Anno Nuovo davvero migliore di quelli che lo hanno preceduto, più sereno e positivo 

Buon 2022 a tutti voi 
 

Fonte Immagini:

 
 
 
 

giovedì 23 dicembre 2021

Tanti Auguri a tutti e Buone festività Natalizie

 
Eccoci, ancora una volta siamo molto vicini alla fine dell'anno. Prima però arriveranno, come sempre, le festività natalizie.
 
Un saluto a tutti gli amici ed i follower del Rifugio. Spero possiate avere un'allegro e sereno intervallo natalizio ed un anno nuovo più sereno, felice e con tanti avvenimenti positivi ed interessanti.


Auguro a tutti voi un Sereno e Felice Natale
 

 

Fonte immagini draghi natalizi:
 
Prima immagine "Christmas Winter's tale" cutewallpaper
 
Seconda immagine "All i want for Christmas is a dragon" imgur
 
Terza immagine "dago nella foresta  con animali" hdwallpapers 
 
Quarta e Quinta immagine - draghi natale di Anne Stokes  annestokes.com

martedì 14 dicembre 2021

Universi paralleli e Multiversi

Eccomi tornata a parlarvi di un tema caro alla fantascienza ed al fantasy di tutti i tempi. Si tratta degli universi paralleli che creano la conseguente esistenza del multiverso. 

Vi avevo già parlato in precedenza di universo parallelo e del multiverso in questo post del Rifugio pubblicato nel febbraio del 2015 


Secondo un nuovo studio del 2019 il viaggio nel passato sarebbe possibile con universi paralleli.
Una dimensione parallela o universo parallelo (anche realtà parallela, mondo parallelo, universo alternativo, dimensione alternativa o realtà alternativa) è un ipotetico universo separato e distinto dal nostro ma coesistente con esso; nella maggioranza dei casi immaginati è identificabile con un altro continuum spazio-temporale. L'insieme di tutti gli eventuali universi paralleli è detto multiverso.

 
Secondo un nuovo studio teorico che risale credo al 2019 apparso su arXiv, ripreso da Futurism e New Scientist, nel contesto della teoria relativa agli universi paralleli, potrebbe essere possibile viaggiare dalla linea temporale di un universo alla linea temporale di un altro attraversando un wormhole, ossia un buco nello spazio-tempo.
I due fisici che hanno realizzato la ricerca, Jacob Hauser e Barak Shoshany, partono dal presupposto che se il viaggio nel tempo è possibile esso porta in maniera inevitabile a paradossi non esplicabili.

Si pensi per esempio al semplice paradosso del nonno, un paradosso che ha lasciato perplessi i fisici fin da sempre. Questo paradosso potrebbe essere risolto prendendo proprio in considerazione la possibilità di esistenza di universi paralleli, un’idea non certo nuova per spiegare il viaggio nel tempo che questo studio pone però sul tavolo sottolineando il fatto che non c’è bisogno per forza di un numero infinito di universi, anche se sarebbe necessario un numero che rimane comunque molto grande.

Come spiega Shoshany a New Scientist, l’idea che i due fisici suggeriscono parte dal concetto teorico secondo cui esistono molti universi paralleli all’interno dei quali le cose e gli avvenimenti sono più o meno gli stessi anche se ogni universo parallelo viaggia su una linea spazio-temporale separata. Queste linee possono essere percorse anche per viaggiare indietro nel tempo.

Linee temporali multiple permetterebbero ad un ipotetico viaggiatore del tempo di poter uccidere il proprio nonno e di non causare paradossi temporali che potrebbero portare a conseguenze che neanche gli stessi fisici potrebbero spiegare. La teoria dei due fisici prevede che qualsiasi cambiamento viene apportato al passato è indipendente dalla storia della linea temporale da cui il viaggiatore del tempo proviene.

Come spiega un altro ricercatore, Geraint Lewis dell’Università di Sydney, non coinvolto nella ricerca, non si tratterebbe però di un vero viaggio nel tempo: non avrebbe, per esempio, più senso tornare indietro nel tempo e uccidere Hitler per evitare la seconda guerra mondiale se questa guerra poi non si è svolta nell’universo da cui si è giunti.

E ciò varrebbe anche nel caso in cui l’universo da cui si è giunti sarebbe sostanzialmente uguale all’universo in cui si è fatta la modifica nel passato: basterebbe anche un solo atomo posizionato diversamente rispetto all’universo di provenienza per etichettare l’universo “modificato” come universo parallelo e distinto. 

Testo ed approfondimento su nuova teoria trovato e riportato da  notiziescientifiche.it


 
Il viaggio nel tempo, la possibilità dell'esistenza di universi paralleli che creino quindi un multiverso di universi è un tema che è sempre stato caro alla letteratura sia fantascientifica che fantasy. E' presente in moltissimi racconti e libri diversi. Ma una base reale a tutte queste fantasie e fantasticherie pare esistere davvero.
 
Secondo Focus sarebbe stato individuato un buco nero primordiale, forse.
 
Non si tratta di un'ipotesi del tutto nuova, ma un recente lavoro la rilancia: la materia oscura, misteriosa perché la ipotizziamo solo per gli effetti gravitazionali che avrebbe sulla materia ordinaria (la nostra), e di cui non sappiamo niente altro, potrebbe essere il risultato dell'azione di buchi neri primordiali - che in più potrebbero contenere altri universi. La ripresa di questa teoria è la conseguenza del lavoro di un gruppo di ricercatori internazionale (tra i quali Edoardo Vitagliano, dell'università della California) in missione al telescopio Subaru (Mauna Kea, Hawaii): gli scienziati ritengono di aver individuato un buco nero primordiale di dimensione paragonabile a quella della Luna, quindi assai ridotta, in transito tra noi e la galassia di Andromeda. Lo studio è pubblicato su Physical Review Letters.
Testo ed approfindimento su buco nero primordiale trovato e riportato da Focus
 
Insomma al giorno d'oggi ci sono alcuni ricconi che hanno fatto a caro prezzo un giretto nello spazio, forse in futuro si potrà davvero fare una vacanza in un'universo parallelo ?
Non sono sicura di desiderarlo davvero, sarebbe un viaggio molto pericoloso e con conseguenze non sempre prevedibili e/o del tutto chiare.

Fonte fotografie:

Universi paralleli Wired
 
Esistono universi paralleli Futuroprossimo
 
Fuga in un universo parallelo notiziescientifiche.it 

Fonte Informazioni sugli universi paralleli ed approfondimenti:
 

Notizie scientifiche Viaggio nel passato possibile

 
Universi paralleli Wired

venerdì 10 dicembre 2021

L'anno che verrà

Amici del Rifugio, eccoci, con la velocità della luce siamo quasi arrivati alla fine dell'anno. Questo 2021 che per me personalmente, per svariati motivi, è alla fin della fiera stato perfino peggio del tanto malvisto 2020.
Che cosa posso dirvi, spero che quest'anno finisca molto presto e che non porti con se altri momenti neri.
Con l'augurio che il 2022 possa essere davvero diverso e più sereno, non solo per questioni di pandemia ma per moltre altre cose. 
 

 
Spero che l'anno prossimo, il tanto atteso 2022 possa essere un anno dragoso e davvero migliore degli ultimi due. Credo che tutti abbiamo gran bisogno di un'anno più sereno

Adoro i pettirossi che nutro appena mi è possibile (loro ed altri uccellini) - quindi ho deciso di aggiungere a questo post un video con la leggenda del pettirosso. Spero che possiate apprezzarla




Questo sotto invece è il video di Lucio Dalla "L'anno che verrà"

 

Un saluto a tutti, amici e followers del Rifugio e buona continuazione del mese di dicembre.
 
Fonte Immagini e Video:
 
Paesaggio Fantasy: Blog Audible.it
Drago in volo: 1zoom.me 
Primo pettirosso:  La leggenda del pettirosso 
Secondo pettirosso con agrifoglio: reportageonline 
Terzo pettirosso - in volo: euganeamente.it 
 
Video:
Video la leggenda del pettirosso - youtube.com Storiellando
Video "L'anno che verrà" di Lucio Dalla - youtube.com Lucio Dalla 

giovedì 18 novembre 2021

Fairy Oak Saga . . .

Cari amici e follower del Rifugio, con questo post voglio parlarvi di una saga fantasy storica, davvero bellissima di cui non vi ho mai parlato precedentemente, ma che tutti coloro che amano il fantasy credo conoscano già. Si parla, questa volta, della saga di "Fairy Oak" scritta in maniera magistrale da Elisabetta Gnone. 
Sono orgogliosa del fatto che una autrice italiana abbia scritto una meravigliosa saga fantasy come questa che è stata poi tradotta in gran parte dei paesi del mondo, in moltissime lingue diverse. Ho deciso di parlarvi di questa serie perchè con il lockdown l'autrice ha scritto tra l'anno scorso e questo ulteriori due libri di questa saga che io ho acquistato recentemente assieme ai 4 misteri, che mi mancavano, avendo io acquistato fino a quel punto solo la trilogia iniziale.
Credo che tutti coloro che hanno letto uno dei libri di Fairy Oak amino questa magica avventura lunga ora ben 9 libri. Più come extra "Un'anno al Villaggio - il libro che rappresenta il diario di Vaniglia e Pervinca".
I libri sono editi, inizialmente da De Agostini , e poi ristampati  dal 2016/2017 fino al 2020 da Salani Editore

La base di questa Saga è rappresentata dalla trilogia di Fairy Oak

1) Fairy Oak - il segreto delle gemelle
2) Fairy Oak - l'incanto del buio
3) Fairy Oak - il potere della luce

Questi tre volumi sono in seguito stati pubblicati anche in un unico volume contenente la trilogia completa di Fairy Oak

Dopo la trilogia sono stati pubblicati altri 4 libri che svelavano 4 diversi misteri del mondo di Fairy Oak, libri che infatti sono detti dei 4 misteri

4) Fairy Oak - i Misteri - Capitan Grisam e l'amore
5) Fairy Oak - i Misteri - Gli incantevoli giorni di Shirley
6) Fairy Oak - i Misteri - Flox sorride in autunno
7) Fairy Oak - i Misteri - Addio, Fairy Oak
 
Altro libro, sul mondo di Fairy Oak, ma fuori  dalla saga ufficiale, quindi un extra, è rappresentato dal diario di Vaniglia e Pervinca, "Un'anno al villaggio".
 
Gli ultimi due libri usciti in ordine di tempo, rispettivamente nel 2020 e dal 4 Novembre 2021 sono l'8° ed il 9° della saga stessa
 
8) Fairy Oak - La storia perduta
9) Fairy Oak - Il destino di una fata

Pochi cenni biografici sull'autrice:
 
Elisabetta Gnone nasce a Genova il 13 aprile 1965 e, dopo gli studi classici, nel 1990 entra nella "Walt Disney Company" e due anni dopo diventa giornalista. Collabora con il settimanale Topolino e a molti mensili come Bambi, Cip & Ciop, Minni & Co. e La sirenetta, lanciando nel 1997 il mensile Winnie the Pooh. Lo stesso anno crea W.I.T.C.H., scrivendo le storie dei primi due numeri a fumetti: la serie diventa un successo mondiale e viene pubblicata in oltre 120 paesi. Successivamente W.I.T.C.H. viene anche trasposto in serie animata.
 
Quelle che posto di seguito sono le cover delle ultime edizioni Salani, solo la trilogia completa era stata pubblicata a suo tempo da De Agostini, e si trova ancora in vendita usata, come i volumi della saga stampati da De Agostini a suo tempo.
Questo senza nulla togliere alle Edizioni Salani che hanno fatto un bellissimo lavoro con le successive edizioni, l'ultimo libro, in particolare "il destino di una fata" è stato realizzato benissimo e con estrema cura.


Fairy Oak - il segreto delle gemelle

Fairy Oak - l'incanto del buio

Fairy Oak - il potere della luce

La trilogia completa di Fairy Oak

Sinossi prima trilogia:

Fairy Oak è un villaggio di pietra, antico e incantato, sperduto tra le pieghe di un tempo immortale e cresciuto intorno a una quercia fatata, da cui ha preso il nome. Lo circonda una natura viva e rigogliosa: a nord il mare selvaggio, a sud gli altopiani battuti dal vento e tutt'attorno prati, colline e laghi cristallini. Fairy Oak è l'unico luogo dove umani e creature magiche vivono in perfetta armonia, tanto che è difficile distinguere gli uni dagli altri, poiché maghi, streghe e cittadini comuni abitano le case di pietra da tanto di quel tempo, che ormai nessuno fa caso alle reciproche stranezze, e tutti si somigliano un po'. Solo le fate sono diverse: piccole, come il palmo di un bambino, e luminose, vengono chiamate dai Magici per badare ai bambini, ed è proprio una di loro a raccontarci questa storia. Feli è la fatina a cui è affidato il diffìcile compito di proteggere le streghe gemelle Vaniglia e Pervinca, nate con opposti poteri e insieme simbolo vivente di un'eterna alleanza, quella fra Luce e Buio, che un terribile nemico è deciso a spezzare. Per governare nell'oscurità, il Signore del Buio sa che deve rompere il legame che unisce le sorelle, e su di loro cala la sua scure. Scopre così che le ragazze non sono sole nella battaglia, intorno a Vaniglia e Pervinca, a fare da scudo e da arco, ci sono i loro amici, e un piccolo popolo, ardito e coraggioso, deciso a salvare il proprio magnifico mondo... Età di lettura: dagli 8 ai 90 anni. 

Si tratta di una bellissima, magica saga fantasy, chi la legge se ne innamora. Oltre alle due streghe gemelle, leggendo i libri, facciamo la conoscenza con tutto il paesimo di Fairy Oak, i loro giovani amici, i parenti e tutti i compaesani; veniamo ad immergerci nella bellissima natura che circonda il villaggio,  che rappresenta probabilmente un'altro dei personaggi principali della saga stessa, tanto è presente e viva nelle parole scritte da Elisabetta Gnone. 

I nomi di tutti i personaggi sono nomi di fiori e la natura è parte integrante di tutta la storia narrata, del bellissimo villaggio di Fairy Oak e dei suoi dintorni.

"Fairy Oak" si trova nella immaginaria valle di Verdepiano, in un mondo in cui convivono pacificamente umani privi di poteri detti Nonmagici, maghi e streghe, distinti in Magici della Luce e Magici del Buio, ed anche fate. 

All'interno della coinvolgente storia fiabesca vengono trattati temi importanti; quelli dell' amicizia, dell' amore e della natura. Nei libri troviamo dei bellissimi disegni che rendono al lettore più realistico il magico villaggio ed i suoi abitanti. C'è da specificare che Fairy Oak ha un vero e proprio team grafico alle spalle: c'è chi si occupa della colorazione, chi degli acquerelli, chi dei disegni. Per approfondire vi consiglio di visitare il sito Ufficale di Fairy Oak

Questi libri vogliono parlarci della natura e nello specifico del suo potere, dei cicli con cui la vita diventa possibile, gli spettacoli incantevoli che ci regala e la precarietà del suo equilibrio. Un'equilibrio che tutti noi esseri umani dovremmo tentare di aiutare invece che sconvolgere.

Insomma una bellissima saga che riesce, tra un avvenimento e l'altro, a rasserenare il lettore, trasportandolo nell'immaginario mondo di Fairy Oak.

Ecco, per tutti voi, l'inizio di questa storia incantata:
 
"Da oltre mille anni, a mezzanotte precisa, nelle case di Fairy Oak avviene un fatto magico: minuscole fate luminose raccontano storie di bambini a streghe dagli occhi buoni, emozionate e attente.
Insolito, vero?!  Tutti sanno che fate e streghe non vanno d'accordo e che alle streghe i bambini non piacciono affatto. Ma siamo nella valle di Verdepiano, nel villaggio di Fairy Oak e qui le cose vanno sempre un po' diversamente..."

Questo sopra è il prologo del primo libro, un inizio davvero magico ed invitante.
 

Un'anno al villaggio - Il diario di Vaniglia e Pervinca

Sinossi:

Un libro pieno di illustrazioni e racconti per ogni mese dell'anno. Un diario nient'affatto segreto, a cui le gemelle Vaniglia e Pervinca hanno affidato le ricette di famiglia, i compiti per le lezioni di Magia, le regole dei giochi da fare nelle giornate di pioggia e i resoconti delle avventure vissute nelle giornate di sole, e naturalmente i loro piccoli segreti. Un diario in cui tutti sono invitati a scrivere, anche le lettrici, per conservare i loro ricordi ed entrare a far parte del mondo incantato di Fairy Oak.

 

Fairy Oak - i Misteri - Capitan Grisam e l'amore

Sinossi:

Una storia di mare, di ragazzi intrepidi e d'amore.

«In quel momento decisi che avrei raccontato alle mie compagne quattro misteri di Fairy Oak, uno per ogni sera per quattro sere, dopo di che non avrei più parlato del passato. La prima sera parlai d'amore, la seconda di mirabolanti incantesimi, la terza di amicizia, la quarta sera raccontai un addio.»

In una grotta segreta, nascosta fra le cascate ghiacciate dall'inverno, cinque giovani amici aprono un antico baule e liberano una storia che per molti anni era stata chiusa e dimenticata, volutamente dimenticata! Un mistero avvolge il passato di colui che diceva d'essere un comandante valoroso e toccherà a Vaniglia e Pervinca e al giovane mago Grisam, alla buffa Flox, e all'intera Banda del Capitano scoprire la verità su William Talbooth. Pochi indizi, inattese scoperte e laconici ricordi aiuteranno i ragazzi a ricomporre i pezzi di un passato sepolto che a tratti appare oscuro e addirittura spaventa. Eppure, l'immagine che lentamente si ricomporrà davanti agli occhi meravigliati delle gemelle e dei loro compagni, ciò che esce dalla nebbia del mistero, sembra avere gli occhi e il sorriso dell'amore. Chi era davvero il Capitano? E da chi stava tornando quando la sua nave ha fatto naufragio davanti alle coste del villaggio fatato? E perché da quando il baule è stato aperto tutti sembrano avere una storia d'amore da raccontare? Il finale è lieto, ma non privo di sorprese e una soprattutto farà battere il cuore di Vaniglia.
 

Fairy Oak - i Misteri - Gli incantevoli giorni di Shirley

Sinossi:

Una storia di sublimi incantesimi e mirabolanti avventure.

«Di quei giorni incantati, di strabilianti magie, di cuori palpitanti e coraggiosi, di sorprendenti incontri e del mistero del bosco raccontai alle mie compagne, la seconda sera...» A Fairy Oak è finalmente giunta la primavera. L'aria profuma di narcisi, di giornate lunghe e di giochi. Ma anche di pioggia. E infatti piove, diluvia, grandina perfino! Per lunghi, interminabili giorni. Menomale che c'è Shirley Poppy a sollevare gli animi dei giovani del villaggio, con un nuovo, intricato mistero. Nascosto nel laboratorio di sua zia, infatti, la giovane e potentissima strega, ha trovato un ricettario molto, molto strano. Non a uova e farina si fa cenno nelle antiche pagine sgualcite, ma a spade di sale, a pezzi di cielo, a cuori di pietra e a un segreto, il Segreto del Bosco. Decisa a scoprire di cosa si tratta, Shirley coinvolge le gemelle Vaniglia e Pervinca e tutta la Banda del Capitano in una serie di mirabolanti avventure. Sarà pericoloso, i ragazzi lo sanno, ma ciò che vedranno e impareranno li ripagherà di ogni ferita e paura. Per sempre.

 

Fairy Oak - i Misteri - Flox sorride in autunno

Sinossi:

Una storia di amicizia, di danze bizzarre e di colori.

«Le avrei fatte ridere, perché il terzo racconto era divertente. E ora che conoscevano i protagonisti, avrebbero riso ancora di più immaginandoli mentre ballavano la Danza delle Follie di Stagione. Di quella e di amicizia raccontai la terza sera...» Succede sempre così, un giorno di settembre, qualcuno commette una stranezza più strana delle solite stranezze,e da quel momento, per un mese, a volte due, da Fairy Oak è bandita la normalità. La chiamano La Danza delle Follie di Stagione. È esilarante quel che avviene in quei giorni e bellissimo, perché ciascuno sembra dare davvero il meglio di sé quanto a fantasia, forza, abilità e... stravaganza. Anche gli alberi non scherzano, l'intera Valle sembra stregata. E Flox ha una teoria al riguardo: basta guardare gli occhi di chi danza per capire che... Lasciamolo dire a Flox, questo mistero lo svelerà lei, la ragazza arcobaleno, l'amica del cuore di Vì e Babù. Questa storia è dedicata a lei e all'amicizia, quella che ovunque ti volti te la ritrovi davanti e qualche volta ti lascia i lividi.E non solo sulla pelle.
 

Fairy Oak - i Misteri - Addio, Fairy Oak

Sinossi:

Felì è tornata a casa. Nei quindici anni che ha trascorso lontano, ha sempre scritto alle compagne rimaste a casa, descrivendo il villaggio, le bambine e tutte le incredibili avventure che viveva con loro e i loro fantastici amici. Al punto che ora le fate vogliono saperne di più, desiderano che lei racconti ancora, anzi, che non smetta mai! Chiedono altre storie, nuovi aneddoti, di sapere tutto del villaggio della Quercia Fatata e dei suoi abitanti. Felì accetta di buon grado e promette quattro nuovi racconti: le permetteranno di restare in compagnia dei suoi ricordi e di rivivere quei bellissimi giorni. Sì, ma per quanto ancora? Prima o poi dovrà separarsi dal passato e affrontare il futuro. Lei lo sa, e ora, che manca solo un racconto, sente il cuore batterle forte: riuscirà a dire addio a Fairy Oak? La sua ultima storia è intensa e commovente, e tuttavia cela un mistero, e svela una profezia.

 

Fairy Oak - La storia perduta

Sinossi:

«Le radici dei popoli sono come le radici degli alberi: consolidano il terreno per le generazioni future. E ogni storia perduta, o dimenticata, può contenere molte verità.»


Il tempo è passato e molte cose sono cambiate a Fairy Oak, e così capita di immalinconirsi riguardando vecchie fotografie davanti a un tè, ricordando vecchi amici e grandi avventure. Ma quando i ricordi approdano all'anno della balena, i cuori tornano a battere e i visi a sorridere. Che anno fu! Cominciò tutto con una lezione di storia, proseguì con una leggenda e si complicò quando ciascun alunno della onorata scuola Horace McCrips dovette compilare il proprio albero genealogico. Indagando tra gli archivi, le gemelle Vaniglia e Pervinca, con gli amici di sempre, si mettono sulle tracce di una storia perduta e dei suoi misteriosi protagonisti. E mentre il loro sguardo ci riporta nella meravigliosa valle di Verdepiano, si consolidano vecchie amicizie, ne nascono di nuove, si dichiarano nuovi amori e si svelano sogni che diventano realtà.


  

Fairy Oak - Il destino di una fata

l'ultimo bellissimo libro uscito edito da Salani il 4 Novembre 2021

con in omaggio, solo per i libri facenti parte della prima edizione, 
"l'erbario di Fairy Oak", un fascicolo di 16 pagine, per conoscere le piante e i fiori che hanno dato il nome ai protagonisti della saga.
 
Sinossi:
 
Suoni, segreti e inattese verità di una valle e di un villaggio pieni d'incanto.

Una nuova voce, quella dell'autrice, ci racconta la storia di Fairy Oak. Sa molte cose e moltissime ne svela, arricchendo il dipinto che ritrae il popolo della Valle di Verdepiano di dettagli assai curiosi e di nuove, inaspettate sfumature. Il nuovo romanzo di Elisabetta Gnone rivela tutti i segreti (o quasi) della comunità, buffamente assortita, che convive serenamente nel villaggio della Quercia Fatata. In questi anni all'autrice sono state rivolte tante domande e curiosità a proposito della saga, e ha pensato che un libro potesse colmare quei vuoti e risolvere quei dubbi che in tanti sentono ancora d'avere riguardo i suoi abitanti. Poiché l'autrice sa tutto di questa storia, ed è una voce fuori campo, può svelare segreti, entrare in dettagli e raccontare aneddoti e situazioni che i suoi personaggi non possono conoscere o riferire. Per esempio Elisabetta sa quando Grisam Burdock s'innamorò di Pervinca Periwinkle – il momento esatto – e quando il cuore del giovane inventore Jim Burium diede il primo balzo per la sorella di Pervinca, Vaniglia. Sa cosa pensò la fata Felì la prima volta che vide dall'alto il piccolo villaggio affacciato sul mare ed è soprattutto di lei che vi narra, del primo e dell'ultimo anno che Sefeliceleisaràdircelovorrà passò a Fairy Oak, e di quei pochi istanti in cui si compie il destino di una fata. Un destino comune a molti, come scoprirete. 
 
Particolari interni del libro "il destino di una fata"
 

 
L'erbario di Fairy Oak, fronte e retro 


 
Se non conoscete questa saga e/o non la avete ancora letta, vi consiglio vivamente di comprare almeno la prima trilogia, sicuramente poi sarete conquistati da Fairy Oak e vorrete leggere anche i seguenti libri.

lunedì 15 novembre 2021

Il mio mondo fantasy

Vivo costantemente a metà tra fantasia e realtà, in un mondo tutto mio dove le due riescono a convivere ed a completarsi.  💖  * - *  💖 
 
Sono abbracciata a vita ad un Elfo, con un Drago come amico, ed un Nano come compagno di avventure.
Spartisco il mio cibo con gli animali e le fate.
Vivo in una foresta meravigliosa piena di animali e dove ho una casa incorporata nella natura, senza che questa ne venga danneggiata.
Ho un Unicorno come Cavallo ed un Cervo come confidente.
Uno scoiattolo come aiutante  💗  😜  ed un Lupo che mi fà da veggente.
 
Visito posti magici e meravigliosi dove non sempre quello che appare è reale e dove Regna Sovrana la Magia.
 
La Vita reale so bene quale sia delle due - Non mi dà molte soddisfazioni ed aiuti ed in questi anni non ho ricevuto grandi apprezzamenti ma per fortuna quando non ce la faccio più metto un piede nel mio mondo immaginifico e fantastico e mi rianimo subito.
Che la fantasia sia sempre con voi. E' una grande forza rigeneratrice


💗 💗 💗 💗 💗 💗

(Il Rifugio degli Elfi)
 
 



 

Questo che vi ho riproposto era, ed è ancora (anche se la pagina oramai, per diversi motivi è chiusa) il primo post di presentazione alla Pagina Facebook del Rifugio.
 
La situazione direi che tutt'ora rimane la stessa, anche se mi è sempre più difficile lasciare la pesante e negativa realtà attuale, anche per breve tempo. Cerco sempre di farlo, anche solo per la mia stessa sopravvivenza. 
Tuttavia l'estraneamento ed il viaggio mi risultano sempre più complicati.
 
Appena possibile uscirà un nuovo post con la presentazione di una saga fantasy storica, conosciuta da tantissimi lettori,  non soltanto in Italia, ma in gran parte del mondo. 
 
Intanto un saluto a tutti, buon lunedì e serena nuova settimana a voi tutti, amici e followers del Rifugio

mercoledì 27 ottobre 2021

Problemi di sfondo risolti


Eccoci qui, a problema risolto, grazie all'aiuto di Iole del blog Iolecal
Grazie mille per il tuo aiuto Iole.  
Il blog ha di nuovo lo sfondo in movimento Gif, il mio preferito, e può cambiare a mio piacere gli sfondi.

Da quando Blogger ha cambiato la piattaforma, credo che sia riuscito a peggiorare la situazione invece che a migliorarla, come spesso accade in questo campo. Voi amici che gestite come me un blog su piattaforma Blogger che ne pensate ?
 
Non si possono più inserire immagini multiple (aplodare insieme diverse immagini) perchè poi quando le selezioni, nel blog viene spostato il loro ordine originario. Devi postarne una alla volta.
 
Ma la cosa peggiore è che con il nuovo blogger non potevo più cambiare i file di sfondo, quei file che avevo sempre utilizzato come sfondo del Blog.
L'editor di blogger non riteneva che i file fossero adatti allo scopo, evidentemente.
 
Con l'aiuto di Iole, che mi ha spiegato come cambiare sfondo al blog direttamente nell'HTML del blog stesso ora sono di nuovo in grado di cambiare sfondo al blog, come prima. Mi ha uplodato i file in questione nel suo sito ed ora posso utilizzare il link per cambiare gli sfondi, che l'editor di Blogger non vuole vedere. Ho cambiato un piccola sezione dell'HTML come mi ha spiegato Iole ed ora sono a cavallo. Tra l'altro sono sfondi molto belli, dei quali uno era l'originale del blog, creato da Elena Orsi e gli altri due sono stati creati successivamente da Iole stessa.
 

Buon mercoledi e serena continuazione di settimana, amici del Rifugio e che la luce possa essere sempre con voi.

giovedì 21 ottobre 2021

Aggiornato il blog

 


dipinto del 1964 "Il figlio dell’uomo" di René Magritte 

 
Cari amici e follower del Rifugio, questo post è solo per avvisarvi che ho appena creato una nuova pagina di presentazione del blog.
"Chi sono" per spiegare brevemente chi gestisce il blog ed il motivo per cui è nato. Potete vedere la nuova pagina entrando direttamente nella pagina "Chi sono" sotto la testata del blog oppure cliccando su questo link

Buon giovedì pomeriggio e serena continuazione di settimana

Fonte immagini:

Dipinto "il figlio dell'uomo" di René Magritte Qui

Mano umana con farfalla Qui