mercoledì 19 febbraio 2014

La Leggenda del Drago del Lago d'Orta

Eccomi tornata a voi con la terza ed ultima delle leggende sui draghi italiani che ho trovato on-line (non è detto che queste siano le sole leggende sui draghi che abbiamo in italia a parte quella di San Giorgio - ma sono quelle più carine che ho trovato)



La vera leggenda dei draghi vissuti sul lago d’Orta e nel nord Italia


La leggenda narra di tre  laghi del nord Italia: il lago d’Orta, il lago Gerundo, un lago riassorbito dalla terra che ora non esiste più, e il lago di Santa Croce.
La storia narra di una linea continua tracciata dal nostro lago fino in Val Apisina, in provincia di Belluno, una linea di chiese con al loro interno ossa di enormi draghi.
Le ossa dei draghi ritrovati sono appartenuti ad enormi figure alate con occhi lucenti e aliti di fuoco… per alcuni simbolo del male, per altri custode di tesori e protettore di principesse e bambini, la figura del drago si ritrova nelle antiche mitologie di ogni parte del mondo e nelle fiabe, nei libri e nei films.
Partendo dal primo lago, il Lago d’Orta, considerato da molti il “Lockness italiano”, dove molti pescatori nell’antichità hanno affermato di aver visto riaffiorare in superficie le code dei draghi tra le fredde nebbie inverali.
Una leggenda narra che San Giulio, predicatore e guerriero vissuto nel quarto secolo dopo Cristo,  volendo a tutti i costi costruire la sua centesima chiesa, si spinse fìn sulle rive del lago e qui, affascinato dal luogo, rimase a contemplare l’isola, la quale – si dice – fosse allora infestata da draghi e serpenti.
Il santo, non trovando una barca, stese il proprio mantello sull’acqua e camminandovi sopra raggiunse l’isola.
Scacciati draghi e serpenti con la sola forza della parola, cominciò a costruire la sua centesima chiesa, nella quale fu poi sepolto. All’interno della basilica si trovano sculture sacre rappresentanti draghi ed in sacrestia c’è un antico drago in ferro battuto sopra il quale è appeso un osso, un’enorme vera vertebra delle dimensioni di un metro.


Spostandoci ad est andiamo a toccare i confini dell’ormai scomparso Lago Gerundo tra Milano, Bergamo e Cremona. Nel raggio di questi territori si trovano 4 chiese all’interno delle quali sono esposte gigantesche costole di draghi ritrovate sui fondali dell’ormai scomparso lago.
La presenza dei draghi nel passato si riscontra anche nello stemma di Milano che ha raffigurato al suo interno un drago. Si narra che un antenato dei Visconti abbia ucciso un drago e che sia stato successivamente riprodotto nello stemma della città per ricordare l’impresa del giovane.
Anche nella chiesa di San Marco, sempre a Milano nel museo, c’è un affresco con raffigurato un uomo con accanto un drago e sullo sfondo un lago…l’ormai scomparso lago Gerundo.
Il drago simbolicamente rappresentava il male, ma la Chiesa lo raffigurava per mostrare come San Giorgio, San Giulio e San Michele Arcangelo siano stati dei Santi in grado di sconfiggere il male e far trionfare il bene.
Anche sullo stemma della val Apisina ci sono due draghi ed è la valle che ospita il lago di Santa Croce, terzo dei tre laghi leggendari.
Gli abitanti della zona sentono spesso dei forti boati e si narra che questi rumori siano opera dei draghi che si aggirano tra le rocce.
Gli esperti pensano invece che i boati non siano altro che il prodotto di piccoli terremoti che si verificano a  poca profondità tra le rocce del lago.
Questo lago è stato creato 10.000 anni fa dall’ultima glaciazione e proprio come il lago di Lockness le montagne che lo circondano a sud assumono l’aspetto della schiena del drago, creando un’ambientazione suggestiva e misteriosa.
Due laghi ed i resti di un terzo del nord Italia, accumunati dal mistero, dalla storia e dalle leggende dei draghi medievali…dove una visita ed una gita fuori porta fanno respirare atmosfere lontane e indimenticabili.


Bellissime foto dell'Isola di San Giulio - l'unica Isola del lago d'Orta


Altre informazioni e foto del drago nella sacrestia dell'isola di San Giulio Qui 

Fonte della Leggenda Qui, Ulteriori notizie Qui

Fonte Fotografie: Wikipedia QuiQuiQui e Qui

8 commenti:

  1. Bellissima la leggenda del drago del Lago d'Orta...il posto è bellissimo di per sé, e una certa magia "draghesca" non gli sta male, anzi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della visita del commento e dell'apprezzamento. Quando si tratta di draghi so che ti troverò nel post ! he he he
      Hai pienamente ragione il Lago d'Orta è davvero bellissimo (e pensa che io non ci sono mai stata, sigh ! ) ed in effetti una certa magia draghesca gli sta anche bene. Non che sia scontata ma si adatta molto bene ai luoghi ;-)

      Elimina
  2. Molto bekllo e bravissima nella ricerca. Anche a te piace farlo magari io ricerco cose diverse ma guai se cercassimo la stessa cosa. Interessante non conoscevo l'isola di San Giulio.
    Buona serata cara,.

    RispondiElimina
  3. Grazie carissima Edvige ..... hai ragione sarebbe un vero peccato se cercassimo le stesse cose ;-) invece così troviamo cose interessanti sul blog dell'altra o di altri :-)
    Nemmeno io conoscevo questa bellissimo isoletta di San Giulio ma davvero mi è venuta una gran voglia di farci un giretto in primavera - sembra un posto davvero interessante.
    Un bacione e buon pomeriggio e sera

    RispondiElimina
  4. Ciao Arwen! Guarda caso, qualche anno fa sono andata al lago d'Orta...e purtroppo non conoscevo questa leggenda :( Vorrà dire che ci tornerò appena possibile, e stavolta andrò a caccia di draghi, se ne trovo te ne porto uno ;) Buona giornata!

    RispondiElimina
  5. Che bella questa leggenda..*_*..il posto è bellissimo sicuramente da visitare dopo aver letto questo post stupendo!^_^Un bacione..

    RispondiElimina
  6. Grazie ragazze Kore e Seleny per la visita e l'apprezzamento!
    Sicuramente sarebbe una gita interessante per quando sarà arrivata la Primavera .....
    Korè se trovi un drago mi raccomando ... portamelo :-)
    Un bacione buona giornata e buon fine settimana a tutte

    RispondiElimina