martedì 15 dicembre 2015

Pendragar - Questione di Gusti

Eccomi a presentarvi il lavoro di un altro autore esordiente
si tratta di "Pendragar - Questione di Gusti" di Filippo Abrami


Formato E-Book (Kindle)
Pagine Nr. 132
€ 2,99
Sinossi:


"Glimmerio è un nano. Può vedere al buio, percepire i metalli e apprezzarne il sapore. Purtroppo Glimmerio è stato allevato dagli umani e per questo nessuno lo considera all'altezza. In senso letterale. Quando scopre una truffa ai danni della sua famiglia dovrà lottare contro tutto e tutti per far emergere la verità. Tra un panino Gran Cinghiale, una cerva da galoppo e lo sciopero degli orchi l'indagine risulterà critica. Perché è difficile convincere chi non sente il gusto dei metalli."

E' un piccolo giallo ambientato nel Continente, un mondo abitato da umani, nani, elfi, orchi e sabbiosi (uomini rettile). La peculiarità del Continente è che nel cielo si aprono finestre sul Riflesso, un paesaggio rovesciato in cui animali fantastici agiscono in base alle emozioni della gente sottostante.

Cenni Biografici :

Parla l'autore stesso.
Classe 1981 ho passato la mia infanzia immerso nei libri e nella televisione.
Alle elementari sono cresciuto insieme a transformers, ken shiro e robottoni giapponesi.
Alle medie ho scoperto le ragazze, Indiana Jones, D&D e i super-eroi.
Alle superiori hanno aperto a Brescia una fumetteria, annullando la mia vita sociale.
All'università mi scontro con l'amaro mondo dell'editoria italiana.
Durante tutti questi anni nel mio cervello prende vita un mondo che tento di trasporre su carta con risultati spesso imbarazzanti.
Attualmente lavoro come educatore, affino costantemente la mia capacità di creare e provo, con un manipolo di coraggiosi, a far conoscere al mondo le pazze idee che mi frullano in testa.

Oltre al racconto L1L0 edito da Vaporteppa, scrivo e disegno il progetto “Pendragar” , di cui potete leggere il primo romanzo breve disponibile su Amazon e nei migliori digital bookstore.


Eccovi un piccolo assaggio del libro :

Incipit:


Capitolo Uno

La piccola ascia vibra ancora, impiantata nella testa del manichino. Lo scarabocchio del volto di zio Algermor mi guarda con aria di rimprovero . La lama è proprio in mezzo alla fronte. Spingo sulle punte dei piedi e allungo il braccio. Niente, mancano ancora almeno tre spanne.
Non sono all'altezza, proprio come dicono gli anziani.
Sferro un calcio al treppiede di sostegno. Il fantoccio rovina a terra. Sfilo l'arma dal sacco imbottito. La mano mi trema dalla rabbia. Risollevo il manichino.
Non dovevo provare l'esame.   
Indietreggio. Metto in bocca la lama e succhio. Il sapore dell'acciaio invade il palato. Ricorda la carne di manzo. Respiro a fondo, lascio che il pulsare delle tempie rallenti.
Bocciato di nuovo, per la terza volta.
Porto l'arma dietro alle spalle. Rilasso i muscoli del collo. Passo la mano libera sul bordo dell'ascia. Lame gemelle a due punte. Sembrano ali affilate, le ali di una libellula.
E' stata la domanda sul commercio di armi nel Vanalan, ci scommetto. Ho dato un consiglio sugli approvvigionamenti. Loro odiano i consigli.
Chiudo un occhio per prendere la mira. Lo scarabocchio ricambia il mio sguardo. Il braccio scatta in avanti. L'arma ronza. Il volto di zio Algermor viene strappato dal manichino. Il foglio plana dolcemente a terra.
Beccati questo, vecchio caprone.
Recupero l'ascia. Porto le mani ai fianchi e inarco la schiena. Il sole splende; aggiusto gli occhiali schermanti. Nel cielo il Riflesso sembra quasi solido. Gli squarci tra le nubi mostrano una prateria mossa dal vento. In quello sopra di me uno stormo di pegasi compare dal bordo e atterra tra l'erba traslucida. I cavalli alati abbassano il capo, mettendosi a brucare. Storco il naso.
Io brucio di rabbia e lì sopra neanche una piccola traccia?
Lo scarabocchio di zio Algermor giace ai miei piedi. Ci calo sopra lo stivale. Alzo e calpesto ancora. Una volta, due, tre. Premo il tacco, schiaccio, ruoto per stropicciare il foglio ben bene nell'erba. Nel cielo un puledro frulla le ali e comincia a mordere la zampa di un esemplare adulto.
Ecco, così va meglio.
(immagine dei pegasi)
I recettori fremono, il naso prude: metallo in movimento. Il cancelletto del cortile si apre con un cigolio. Entrano quattro cugini. Quello in testa al gruppo è Leonor, l'ho aiutato al corso di Tassazioni Doganali. Gli altri sono troppo giovani, non ricordo i loro nomi. Uno sventola una bottiglia vuota di amaro. Da come barcollano devono essere ubriachi. Alzo il palmo in segno di saluto.

Il libro è in vendita solo in versione E-Book su Amazon (dove potete anche leggere l'anteprima) e sui principali Store on-line

Per approfondimenti  sul libro e per contattare l'autore  -

profilo Facebook del Libro

e Blog Pendragar                      Pagina Facebook dell'illustratrice

10 commenti:

  1. La storia sembra interessante... vorrei rifugiarmi in questo mondo... poi il profilo dell'autore mi incuriosisce... grazie per averci presentato un libro interessante come sempre.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  2. Ma sai che questi disegni hanno per me qualcosa di inquietante? Capisco che è un fatto soggettivo, però questa è la sensazione che mi trasmettono guardandoli.

    RispondiElimina
  3. Grazie a voi per essere passate Titti e Ambra e per avere apprezzato.
    Devo dire Ambra che sono d'accordo con tè - I disegni non mi piacciono molto (questo è il mio gusto personale) ma devo aggiungere come hai detto tu che anche io trovo che abbiano qualcosa di inquietante in loro ;-)
    Buona continuazione di settimana

    RispondiElimina
  4. Indubbiamente in linea con il tuo blog. Vado a cercarlo. Nel frattempo un caro augurio di buon Natale e felice Anno Nuovo da un amico degli Elfi.

    RispondiElimina
  5. Questa volta devo dire che è davvero questione di gusti. Ed io mi tiro indietro! I gialli non mi piacciono, i nani nemmeno, sicchè non fa per me! Ma è molto bello che tu dia visibilità a degli scrittori emergenti!

    L’angolo della casalinga, ricette veloci e facili

    RispondiElimina
  6. Grazie per essere passati al Rifugio Elio e Monica.
    Un saluto e buon pomeriggio ad entrambi.
    Che dire ovviamente Monica è solo questione di gusti. Faccio il possibile da anni per rendere un pò di visibilità agli autori esordienti (ovviamente solo se sono fantasy .....) visto che io mi occupo di questo genere. Un Saluto grande

    RispondiElimina
  7. Buone Festività Natalizie a tutti amici e Followers

    RispondiElimina
  8. La copertina di questo libro mi ha conquistata, e anche la trama... mi è sembrato un libro diverso dai soliti, anche per l'idea del Riflesso, e i disegni sono splendidi. Quasi quasi ci faccio un pensierino :D

    RispondiElimina
  9. Ciao Loreena grazie per essere passata al Rifugio
    La trama di questo libro mi pare carina ed insolita ........ quanto alle immagini come ho già detto non trovo siano molto belle - (questo è un giudizio mio personale, naturalmente - a mè non piacciono ma qualcun'altro può trovarle invece molto belle .....) quanto alla Cover sò che l'autore era in fase di mettere una nuova cover ma non ho idea quale perchè non era ancora finita ed ho dovuto pubblicizzare tutto, per farlo entro dicembre con vecchia cover.
    Ognuno ha i suoi gusti ;-) Buona domenica e migliore continuazione del mese di dicembre
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. Sono felice che ti sia piaciuto il libro :-)

      Elimina