lunedì 1 dicembre 2014

Recensione Libro "Emma"


Per cominciare voglio sottolineare che il paranormal-fantasy non è fra i miei generi preferiti e che normalmente non rientra nel target del Rifugio, tuttavia mi sono interessata alla Saga di Emma in quanto mi è parsa diversa dalle altre. Questa è la mia Recensione del primo volume della Saga:
Sinossi:

Emma é una ragazza semplice dall'inconsapevole fascino magnetico. La sua vita tranquilla, al confine dell'invisibilità, verrà sconvolta da un cambiamento radicale ed improvviso che la catapulterà nel complesso e violento mondo di streghe e vampiri. Un'inaspettata e travagliata transizione ne muterà in modo definitivo la natura e l'essenza trasformandola in un essere sovrannaturale mai esistito prima. Quando la straordinaria ragazza, accompagnata dai suoi amici di sempre e da un nuovo e viscerale amore, si troverà ad affrontare con coraggio la sua nuova vita imparando ad amarla e ad amare se stessa come mai prima, scoprirà di possedere uno sconfinato ed incontrastabile potere. È, questa, una appassionante ed intensa storia di amicizia, fratellanza e amore.

Recensione:

La saga di Francesca Pace e la storia ad essa correlata trovo che non incarni il solito libro che parla di vampiri, simile a quasi tutti gli altri. Trovo abbia una sua identità ben precisa.
Una variazione sul tema vampiri e streghe, con personaggi simpatici ed a tratti intriganti.
Come sempre mi riservo di parlare prima dei difetti del libro; in questo caso il problema riguarda l’aspetto formale dello stesso con troppi errori e/o refusi, Essendo un’autopubblicazione, questo purtroppo rientra un po’ nel prevedibile, ma è un vero peccato perché sicuramente il libro avrebbe ampiamente meritato un’aspetto formale migliore. Consiglio già dato all’autrice è quello di  cercare di avere una cura ed un controllo del testo maggiore prima della pubblicazione. A questo libro sarebbe servito un buon Editing ……….

Riguardo ai lati di forza del libro, sicuramente la storia che riesce a coinvolgere e ad interessare via via di più, man mano che si entra nei panni dei personaggi e li si conosce meglio.
Bella l’ambientazione che spazia in giro per l’Europa tra Zurigo, Praga, Londra e Sanpietroburgo. 

Intimista e molto descrittivo lo stile dell’autrice che riesce a rendere la lettura molto gradevole. La scrittura risulta semplice e scorrevole, come la lettura del libro. Mi piace lo stile delicato dell’autrice, ma trovo che, forse troppo spesso, finisce per perdersi in vezzeggiativi soprattutto nei confronti della protagonista.

L’autrice ci fa entrare pian piano nel mondo di Emma ed arriva ad esporre al lettore le sue complicate emozioni oltre a quelle che si agitano nell’animo degli altri personaggi. Vengono raccontate con cura tutte le emozioni ed i sentimenti di coloro che vivono al fianco della protagonista, amici o nemici che siano !

Emma, la protagonista vive a Zurigo ed è una bellissima ragazza un po’ bizzarra e lunatica, che spesso finisce con l’immergersi nel mondo creato dalla sua fantasia, un mondo molto privato fatto di libri e creature fantastiche.
Piano piano, seguendo la storia, veniamo a conoscere, proprio come succede ad Emma, le sue origini e la storia della sua nascita.

“Vampiri, streghe, magia. Tutto quello che aveva animato la sua fantasia diventò inesorabilmente la sua realtà”

Questa frase dell’autrice descrive bene la storia del libro riuscendo a sintetizzare in una quindicina circa di parole la sua creatura.

Emma tuttavia non è sola sulla strada verso la scoperta di sè stessa, infatti al suo fianco troviamo Serena, l’amica di una vita con cui abita da tempo e con cui condivide un legame profondo ed indissolubile. Ma non solo, ci sono gli amici fidati, conosciuti a Zurigo, all’Università, amici coi quali condivide la sua esistenza; sono il russo Dimitri, e la scozzese Martha.

Le sue giornate passano tranquille in una ordinarietà che non rimarrà tale per molto.

Le giornate di Emma sembrano passare come sempre, nella serenità della vita universitaria, se non fosse che, da qualche giorno, lei prova strane sensazioni. Sensazioni che si stanno facendo sempre più largo nel suo modo di percepire la realtà. Dapprima si tratta solo di sogni, che pian piano diventano sempre più reali e tangibili, la sensazione di avere i sensi molto più sviluppati del normale, di poter sentire le conversazioni di tutti i presenti in una sala. In quei momenti, che diventano sempre più prolungati ed intensi lei ha la netta impressione di essere osservata da qualcuno. Qualcosa di strano sta accadendo.
Durante questi sogni la ragazza impugna una spada e passeggia con un uomo misterioso di cui ricorda l’odore ed il fascino al suo risveglio. 


La situazione si fa più preoccupante quando, durante una breve vacanza con gli amici a Praga, un gruppo di vampiri attacca la loro comitiva. E’ In questo modo traumatico che viene rivelata ad Emma, non solo l’esistenza di queste terribili creature, ma anche la vera identità dei suoi amici. Infatti gli amici per difenderla abbandonano la loro copertura e combattono usando tutti i loro poteri contro i vampiri loro avversari comandati dalla cattiva Danielle una vecchia conoscenza di alcuni di loro.
Serena e Martha sono in realtà potenti streghe e Dimitri un vampiro. L’insolito gruppo viene aiutato in questo compito, da un altro amico, il potente vampiro, Gabriel colui che nell’ombra osservava e proteggeva, fino a poco prima, Emma senza mai farsi vedere.
Gabriel, capisce subito Emma. è l’uomo con cui lei interagisce nei suoi sogni. Il loro rapporto diventa subito molto stretto e complicato: passano dall’attrazione alla repulsione reciproca per arrivare all’amore/odio e tornare poi infine all’amore ancora più forte.

Preoccupata per gli amici che si trovano in minoranza Emma si unirà al combattimento spinta da un’intima forza di cui nemmeno lei conosceva l’esistenza.

La giovane ragazza scopre così la sua storia ed il suo passato. Scopre di dovere passare una difficile transizione per diventare quello che lei è realmene. Un potente ibrido mai esistito prima, l’unico della sua specie.
Il libro ci parla di sentimenti forti; del grande amore (quasi indipendente dalle loro stesse volontà) che lega Emma e Gabriel e della forza che solo la vera amicizia riesce a donare.

"Emma poteva escluderlo dalla sua mente ma non dal suo cuore"

Come dicevo, anche se questo libro ci presenta una serie di personaggi fin troppo utilizzati, come vampiri e streghe, riesce grazie all’abilità dell’autrice ad essere una lettura fluida, accattivante e sicuramente gradevole. I punti di forza di “Emma” sono le belle ed approfondite descrizioni e la caratterizzazione dei personaggi che hanno una loro consistenza e mantengono la loro coerenza all’interno dell’intera storia. L’alone di mistero che circonda Gabriel e la vera essenza di Emma è una delle carte vincenti di questa storia che ha colpito anche me che non amo particolarmente il genere.

Il personaggio più difficile da descrivere è proprio Emma, la nostra protagonista che rappresenta, non per sua scelta, due mondi molti distanti l’uno dall’altro e profondamente eterogenei. Due mondi che lei deve fondere e mescolare in uno solo.

Bello l’inizio in cui, in prima persona, Emma si trova immersa in una realtà differente, in un posto bellissimo che lei non conosce ma che sente essere il suo posto. Un luogo dove lei si sente strettamente connessa con la natura stessa. Ode ogni minimo rumore che le fa da accompagnamento in questo bosco di antiche e gigantesche quercie. Si sente una donna diversa più sicura e forte ed infine si sveglia. Bella l’idea del riproporre, ad intervalli regolari questo modo di vedere il mondo molto privato ed unico che Emma in un primo momento ha solo in sogno, ma che poi a Praga inizierà a provare nella realtà.
Questa visione del mondo rappresenta il collegamento tra la sua parte di vampiro e la natura che la circonda. 
In questo mondo lei sente di essere una donna forte, sicura di sé e con una vista ed un’udito sviluppatissimi.

E’ stata una gradevole e simpatica lettura che non mancherà di appassionare le amanti dei vampiri. Consiglio “Emma” a tutti gli amanti del genere e delle saghe vampiresche. 
Se Damon di “The Vampire Diaries” vi ha affascinato non resterete insensibili di fronte al carisma del misterioso Gabriel.
Anche se non siete appassionate di questo tipo di letture il libro sarà per voi una momento di relax che vi trasporterà indietro nel tempo di secoli.

8 commenti:

  1. Grazieeeee...bellissima recensione e grazie del consiglio di cui avevamo già parlato in privato e di cui faccio tesoro...baciiiiii, a presto....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Francesca ...... per essere passata a commentare al Rifugio ;-)
      Un saluto grande, buona settimana appena iniziata ed a presto !

      Elimina
  2. ciao! Ti ho nominato per il liebster award! Passa sul mio blog! :)

    http://lauele85.blogspot.it/2014/12/liebster-award.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima Laura per essere passata al Rifugio e sul mio blog fotografico ed ancora di più per avere premiato entrambi i miei blog. Sei stata davvero carinissima. Purtroppo come ho più di una volta detto nel mio blog, io purtroppo non ho più tempo per questo tipo di post. Per due anni dalla nascita del Rifugio ho partecipato - ora non ce la faccio proprio più !
      Buona settimana ed a presto

      Elimina
  3. Grazie è sicuramente un pò al di fuori del solito fantasy ma a me piacciono anche i paranormali basta che siano scritti bene ed abbiano una coerenza nello scritto.
    Buon pomeriggio e buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Paranormal fantasy non è uno dei miei generi preferiti, anche perchè spesso i libri sono uno molto(/troppo simile all'altro. Ma non è detto che debba sempre essere così. Ci sono delle eccezioni interessanti. Buona fine settimana in arrivo

      Elimina
  4. Complimenti per la recensione.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il tuo passaggio Cavaliere, saluti e Buon Fine Settimana in arrivo. A presto !

      Elimina